Mercoledì 24 Luglio 2024

20 – RIPARTE CON GRANDE SLANCIO ED IMPEGNO LA NUOVA STAGIONE SPORTIVA DEL CSI
23 Settembre 2014 | presidente

Riparte con grande slancio ed impegno la nuova stagione sportiva del CSI.

 Ci siamo ritrovati, lo scorso 14 settembre, tutti i consiglieri del CSI, per programmare la nuova stagione sportiva ed i nuovi appuntamenti, sull’esperienza maturata in questi anni e sul segno della continuità, abbiamo così organizzato un nuovo anno associativo, tenendo presente quali sono le sfide educative che ci attendono, nell’organizzare tutta l’attività territoriale ciessina.

Certo il nostro modo di fare sport e di essere associazione, è molto diverso da tante altre realtà. Questo non significa che siamo più bravi o meno bravi degli altri; non significa che abbiamo noi il dogma dell’infallibilità, rispetto agli altri, ma significa invece, che la nostra proposta deve sempre essere completa e ricca di quei valori di amicizia e di rispetto, come in una grande famiglia, che vanno coltivati ed inseguiti, tenendo presente, che ognuno, per i ruoli che riveste, si mette gratuitamente a servizio per gli altri; così come i nostri dirigenti, che “lavorano” per preparare al meglio quella sana e virtuosa competizione, che non deve assolutamente mancare, senza mai farla diventare esagerazione.

 Sono giorni frenetici, quelli che ci accompagnano verso l’avvio dei tornei, giorni ricchi di entusiasmo e forse avvolte di tanta preoccupazione; serate passate all’insegna dell’e-mail, degli sms e delle telefonate, per riallacciare quel rapporto familiare, che spero possa contraddistinguerci anche in questa stagione.

Sono queste le settimane di preparazione dei regolamenti, che guideranno tutta la nostra attività, tenendo sempre presente, la finalità educativa che alla base della stesura di “Sport in Regola”. Il regolamento affronta, così, il complesso problema dell’imparare e insegnare a vivere insieme. “Sport in Regola” non è costruito solo sull’applicazione delle norme, ma si sostanzia nell’attenzione alla presenza dell’altro, sulla disponibilità all’incontro, sull’apertura, in ultima analisi, alla realtà umana stessa. Le regole si impongono, quindi, come supporto necessario alla crescita personale e all’acquisizione di atteggiamenti responsabili, capaci di motivare e orientare in modo consapevole le scelte degli sportivi, ponendoli di fronte a possibilità reali piuttosto che a velleitarie aspirazioni, espressioni di una società che vede nel superamento della “cultura del limite” (e le norme hanno un aspetto limitante) l’affermazione del singolo.

 Sono momenti organizzativi anche vissuti con il nostro Consulente; si lavora per preparare e vivere sempre più intensamente quel rapporto profondo con la Comunità Ecclesiale Diocesana, attraverso la Pastorale Sportiva, perché abbiamo sempre di più la necessità di sperimentare tutta la nostra azione sul modello del Vangelo, perché questo è il CSI.

 La sfida formativa rappresenta un altro tassello organizzativo importante per la nostra Associazione; si ripartirà già dalla primissima settimana di ottobre, con una grande azione di sistema di formazione della classe dirigente del Csi (Arbitri, Allenatori, Dirigenti). Un percorso che ci deve trovare ampiamente coinvolti, perché davvero non possiamo fare a meno della formazione. Un’attività sportiva seria e di grande impatto sociale, non solo agonistico/sportivo, non può fare a meno della formazione e sarà questo l’impegno concreto, che ciascuno di noi dovrà portare avanti, in questo nuovo anno sportivo. Vogliamo offrire a tutti i nostri tesserati la possibilità di formarsi e di ritrovare, nel giusto impegno che mettono a servizio dello sport, anche i valori etici, che sono alla base di tutto. Stiamo rendendo “obbligatorio” il corso per allenatori, non per scopiazzare qualcuno o per imporre qualcosa, ma perché l’Allenatore, come l’Arbitro, sono prima di tutto degli Educatori, che scendono in campo e si mettono, con compiti diversi, a servizio dello sport e di quanti voglio fare l’esperienza educativa del CSI.

 Sono tanti e diversi i propositi che ci attendono e che speriamo di realizzare, in questo anno sportivo. Vogliamo raggiungere ambiziosi traguardi, così come fatto già in questi due anni di mandato. Siamo proprio a metà del nostro impegno, di quel “nuovo” percorso iniziato nel 2013, con questa nuova Presidenza e con questo Consiglio. Ci siamo dati degli obbiettivi, all’inizio del nostro mandato, che stiamo pian piano raggiungendo, con l’aiuto di tutti, e forse con la caparbietà di pochi, ma abbiamo la necessità di andare avanti, di guardare oltre e di continuare a segnare il passo di un CSI che cambia, che cambia nella giusta e doverosa tradizione. Il 2014 è stato l’anno del 70° del CSI nazionale, è stato l’anno dell’incontro con il Santo Padre, è stato l’anno della giusta e preziosa“ricarica”, di un’associazione “vecchia”, che guarda sempre avanti e che cresce non solo nei numeri: questa è la straordinarietà del CSI. Allora prepariamoci alle sfide del 2015, a cominciare dal 70° che continueremo a festeggiare in Sicilia, perché le feste, i meeting e le proposte sportive/associative continuative, possano sempre di più accrescere in noi la voglia di dire con orgoglio: anch’IO faccio CSI!!

W il CSI, W il Comitato di Acireale.

Salvo Raffa

Presidente

 


Share on Facebook Share on Facebook